Sports Consulting  | news | Metiservice, marketing, in store promotion, distribuzione gadget, comunicazione, pubblicità, consulenza sportiva, organizzazione eventi, congressi, meeting, manifestazioni sportive, animazione turistica, hostess, promoter, traduzioni ed interpretariato , eventi treviso, manifestazioni sportive, ricerca sponsorizzazioni, service
 
News & Events

Mistery Client
Il difficile periodo congiunturale e le poche ...

Distretto dello Sport a Treviso
Il nuovo restyling ci vede impegnati in un grande ...

Il turismo sportivo
Nonostante il difficile periodo congiunturale che l'Eu ...
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre costantemente aggiornato sulle nostre iniziative promozionali!


I nostri partners
Social Network
04.02.2011 Come aumentare l'efficacia dei propri collaboratori?

 

 

 

Nella mia lunga esperienza manageriale sia come consulente aziendale, sia come responsabile di reti commerciali, ho avuto modo di interfacciarmi per quasi 20 anni con il management di grosse multinazionali.

In un difficile momento congiunturale, come aumentare il morale, l'efficacia ed i risultati dei nostri collaboratori?

 

Allenatori come Mourinho, Velasco, Bearzot, Dan Peterson... sono stati grandi, perché grandi motivatori.

E i manager italiani cosa fanno? Da sempre ho notato che si tende a lamentarsi dei propri collaboratori, soprattutto coloro che non sanno fare. Sembra così voler trovare la giustificazione ad un loro problema. E quando chiedevo loro come pensavano di risolvere il problema le risposte erano: -  aspetto ancora un po', poi lo mando via -  oppure -  devo continuare ad investire sulla formazione -  e ancora -  incentiverò i risultati con ulteriori gare e premi!

 

Non mi sono mai ritenuto un guru come tanti sul web, però ho cercato di analizzare singolarmente tutti gli aspetti, che portano alla risultante. La risposta è sintetizzata nella teoria delle - 3E -, ossia:

 

  1. ESSERE (essere se stessi);
  2. ENERGIA (volere fare);
  3. ENTUSIASMO (sapere fare).

 

Fondamentale è focalizzare l'attenzione sul singolo individuo come fonte unica e rara. Il segreto non è cercare di sanare le debolezze, ma è molto più produttivo ed economico valorizzare i punti di forza (essere - energia - entusiasmo) di ogni nostro collaboratore.

Raramente ho visto debolezze trasformarsi in punti di forza, nonostante tutti i momenti di formazione, di coaching, di incentivazione o di minacce paventate.

Bisogna avere la voglia e la capacità di individuare e focalizzare,  in  ogni singolo collaboratore, i punti di forza; stimolarli attraverso il coinvolgimento, nell'ottica di rafforzare la fiducia in se stessi, riuscendo così ad alzare sempre di più l'asticella.

 

Per ottenere risultati però bisogna abbandonare le proprie convinzioni e le proprie abitudini ancorate più dalla paura di cambiare, che da quella più manageriale di ricercare soluzioni diverse. Dobbiamo avere il coraggio di abbandonare vecchi schemi indotti, basati quasi esclusivamente sull'aspetto economico del risultato immediato, piuttosto che sul risultato consolidato.

 

Sergio Giarrizzo